Blog

Mascherine antivirus per bambini 😷

Nel momento in cui scriviamo questo post siamo ancora in pieno lock-down ma si sta prevedendo e pensando ad una imminente Fase2.

La Fase2 consisterà a una lenta e scaglionata riapertura delle attività commerciali e lavorative, sempre nel rispetto delle basilari norme di sicurezza.

Sicuramente occorrerà uscire indossando una mascherina, finchè l’emergenza da contagio di covid-19 non sarà terminata definitivamente.

Quindi, in previsione della Fase2, e comunque quando si potrà uscire a fare una semplice passeggiata, occorre iniziare a pensare a dei dispositivi di protezione per i nostri figli, come delle mascherine antivirus per bambini.

Per fortuna i recenti studi dimostrano che quasi la totalità dei bambini che prendono il virus restano asintomatici ma possono trasmetterlo ad altri.

Per cui sarebbe buona norma far indossare ai bambini sopra i 2 anni una semplice mascherina protettiva chirurgica o di stoffa, è quello che afferma in un’ articolo la ACP, l’Associazione Italiana Pediatri.

Mentre solamente i bambini sopra i due anni e affetti da malattie croniche, dovrebbero essere incoraggiati ad indossare mascherine protettive antivirus FFP2.

Andiamo a vedere come procurarci queste mascherine protettive per bambini.

Naturalmente, se avete tempo, e se siete capaci, potete cucirle da soli, e qui vi aggiungiamo un link per un tutorial da seguire per creare delle mascherine di stoffa per bambini: https://www.manifantasia.it/mascherine-per-bambini-di-stoffa-con-tasca-filtro/

Se invece non avete tempo, abbiamo trovato su Amazon questa tipologia di mascherine per bambini, che in base alla nostra esperienza ci sentiamo di consigliarvi.

HILINE – Set di maschere e occhialini, unisex, in cotone, anti-polvere, confezione da 5 pezzi

  • Dimensioni del prodotto: maschera per bocca 7,4 x 4,7 pollici. Occhialini 4,3 x 1,65 pollici.
  • Muffle Mask100% cotone, morbido e traspirante.
  • Maschera per il viso Kawaii con elastici e regolabili, facile da indossare e togliere.
  • Set di 5 maschere anime per bocca, emozioni diverse come le immagini mostrano diverse emozioni in base al tuo umore o al cambiamento della data.
  • Set di maschere e occhiali Kaomoji come ottimo regalo per familiari, amici, amanti. Ideale per proteggerti da polvere, germi, allergie, fumo, inquinamento, ceneri e pollini.

Solo € 12,90

Gli usi scorretti della mascherina secondo il CNR

Dalle modalità con cui si toglie la mascherina al luogo in cui viene depositata. Questi sono secondo Matteo Guidotti dell’Istituto di scienze e tecnologie chimiche Giulio Natta del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Scitec) di Milano, gli errori più frequenti nell’uso delle mascherine antivirus.

“Ma è soprattutto quando andiamo a togliere la mascherina che tipicamente commettiamo degli errori”, sottolinea. L’esperto illustra nel video che la mascherina va maneggiata soltanto toccandola dagli elastici e mai dalla parte anteriore.

“Bisogna poi pensare che quando la togliamo in casa, questo possa essere un oggetto contaminato. È quindi assolutamente sconsigliabile – prosegue – lasciarlo ad esempio su un tavolo della cucina, sul mobile in bagno o comunque su parti sempre sensibili. Piuttosto è consigliabile avere una zona filtro all’ingresso della casa, eventualmente un antiporta, un corridoio, un angolo dietro la porta di ingresso o, se nel caso più fortunato una parte all’esterno della casa per chi avesse il giardino in cui lasciare questo tipo di dispositivo. Altrimenti andiamo a portare nel nostro ambiente protetto in casa l’eventuale patogeno”. 

fonte: https://www.agi.it/cronaca/news/2020-03-27/coronavirus-errori-uso-mascherina-7919729/

Mascherine antivirus: cosa sono i filtri N95, N99 e N100

Spesso nelle mascherine vediamo delle sigle come N95, N99 e N100, qual’è il loro significato?

Se stai cercando dove acquistare delle mascherine con questo tipo di filtri vai 👉qui. Altrimenti continua a leggere.

In Europa, la EN 143 identifica tre categorie di filtri per polveri in base alla loro efficienza filtrante: la classe P1 in grado di fornire protezione da polveri solide, e i filtri P2 e P3, classificati in base alla loro capacità di filtrare soltanto particelle solide o particelle solide e nebbie.

Analogamente, anche negli Stati Uniti, l’Istituto per la sicurezza e la salute sul lavoro ha definito alcune categorie di filtri antiparticolato in base alla resistenza agli oli (N, non resistente gli oli, e R, resistente agli oli), alla impermeabilità agli oli (P), e alla capacità filtrante.

  • La dicitura N95 indica un filtro antiparticolato non resistente agli oli in grado di filtrare il 95% delle particelle sospese nell’aria.
  • N99, invece, indica un filtro antiparticolato non resistente agli oli in grado di filtrare il 99% delle particelle sospese nell’aria
  • Mentre, la dicitura N100 indica un filtro antiparticolato non resistente agli oli in grado di filtrare il 99,97% delle particelle sospese nell’aria.

Alla stessa maniera, un filtro R95 indica un filtro resistente agli oli in grado di filtrare almeno il 95% delle particelle sospese nell’aria, mentre un filtro P95 è un filtro impermeabile agli oli con capacità filtrante del 95%.

Sulle piattaforme di vendita online non è raro imbattersi in questo tipo di classificazione, così come in altre diciture che includono, ad esempio, la lettera K.

La lettera K è un’ulteriore classificazione legata alla capacità filtrante di determinati inquinanti, nel caso di K si tratta di molecole come ammoniaca e derivati.

Fonte:

https://scienze.fanpage.it/mascherine-chirurgiche-ffp2-e-ffp3-differenza-durata-e-come-usarle-contro-il-coronavirus/

Perdita di gusto ed olfatto potrebbero essere sintomi di coronavirus?

Il contagio da coronavirus continua a dilagare in tutto il mondo, e riuscire a capire il prima possibile i sintomi di coronavirus, potrebbe risultare molto importante per contrastarne la diffusione.

Per il momento non c’è nessuna certezza scientifica che dimostri la correlazione tra la perdita di gusto e di olfatto con l’infezione da coronavirus.

A confermare questo sospetto ci sono le testimonianze di molte persone che hanno avuto l’infezione e che ricordano di aver avuto questo disturbo.

Leggi tutto “Perdita di gusto ed olfatto potrebbero essere sintomi di coronavirus?”

Mascherine FFP3 FFP2: sono davvero utili per tutti?

Mascherine si o mascherine no? Facciamo chiarezza

Le mascherine FFP3 o FFP2 sono davvero utili per tutti? Quali sono le linee guida del ministero della salute? Cosa dicono i medici?

Vediamo se riusciamo a fare chiarezza, districandoci tra le varie fonti, a volte anche un po’ contraddittorie.

Iniziando dal Ministero della salute, nelle linee guida per la protezione dal virus, si dice espressamente:

usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Ministero della salute

naturalmente valgono tutte le altre linee guida comportamentali, come la distanza di sicurezza e via dicendo.

nel punto 5 il documento continua affermando…

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo Coronavirus e presenti sintomi quali tosse o starnuti o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo Coronavirus.

L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani.

Infatti, è possibile che l’uso delle mascherine possa addirittura aumentare il rischio di infezione a causa di un falso senso di sicurezza e di un maggiore contatto tra mani, bocca e occhi.

Non si parla nel documento sulla tipologia di mascherina, ma penso quella di tipo chirurgico, la più diffusa e conosciuta.

Il ministero della Salute, quindi, non sta dicendo e non consiglia di mettere le mascherine, o comunque non le ritiene importanti in termini di prevenzione.

Eppure, leggendo e ascoltando tanti medici, più volte ho sentito parole del tipo, la mascherina è meglio di niente, se non si ha la mascherina va bene una bandana e così via.

E quindi? Come sarebbe giusto comportarsi? Non mi sembra che ci siano delle linee comportamentali ben definite sull’uso della mascherina.

Andando avanti, ho trovato una voce in linea con le linee guida del Ministero, Massimo Andreoni, direttore clinica delle Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma, che su un articolo del messaggero dice

Girare per le strade con le mascherine o mettersele in aereo per proteggersi dal coronavirus è abbastanza insensato e completamento privo di fondamento

Massimo Andreoni

Anche Altroconsumo ha affrontato il problema delle voci contrastanti e spiega come la Regione Lombardia, invece, consigli alla popolazione di indossarla.

Anche questo articolo di altro consumo segue la linea precedente e spiega come non siano necessarie le mascherine se si rispettano le norme di sicurezza.

Viene ribadito che gli unici tipi di mascherine che ci possono proteggere veramente dal virus sono quelle di tipo FFP1 FFp2 FFP3, ma anche che il filtro dopo qualche ora dovrebbe essere sostituito.

Inoltre ricorda come altri tipi di protezione di sicurezza fai da te, potrebbero darci un falso senso di sicurezza, e farci abbassare il livello di guardia.

E voi cosa ne pensate? Mascherina si o mascherina no?

Mascherine Antivirus con filtro FFP2 FFP3

Le migliori mascherine antivirus disponibili sul mercato


Covid-19: inquinamento favorisce il virus

Inquinamento favorisce  diffusione covid-19

Un recente studio delle Società italiana di Medicina Ambientale (SIMA), sembrerebbe dimostrare una relazione tra l’elevata presenza di polveri sottili nell’aria, e l’incidenza di diffusione del virus covid-19.

Lo studio è stato eseguito incrociando i dati sulla rilevazione dell’inquinamento, e i dati sanitari di casi di contagio riportati dalla protezione civile.

Leggi tutto “Covid-19: inquinamento favorisce il virus”

Prezzi indicativi mascherine FFP

Mascherina antivirus fai da te 😷

Una raccolta di video tutorial per fare mascherine antivirus fai da te, che sicuramente ci aiuteranno anche a riempire le nostre giornate in modo creativo e produttivo. Le mascherine protettive sono introvabili? Me la faccio da solo, andiamo a vedere come!

Mascherine fai da te con la carta forno

Lo YouTuber Issam Lababidi, che tra l’altro è farmacista, ci da la sua ricetta per realizzare una mascherina protettive fai da te, con quello che quasi tutti abbiamo in casa, e cioè, carta da forno e pinzatrice.

Mascherine da cucire con cartamodello

Mascherina protettiva riutilizzabile con cartamodello GRATUITO. Il tutto dal canale Sweet Susi Cucito e Riciclo Creativo FACILE.

Mascherine fai da te senza cucire

Mascherine antivirus fai da te anche senza cucire, se non abbiamo una macchina da cucire in casa, o filo e attrezzi vari. Qui vi mostriamo un video molto utile per realizzare una mascherina senza cucire di Eli Crea cucito e riciclo creativo

Mascherine fai da te con le garze

Un altro farmacista viene in nostro soccorso. Possiamo usare anche le garze al posto della carta forno, ma ricordiamoci di usarle solo una volta perchè diventano presto un ricettacolo di germi.

Avete Provato? Siete riusciti a fare la vostra mascherina? Fateci sapere se avete seguito qualche video guida mi raccomando. Diteci anche qual’è la vostra versione preferita.

Se non hai tempo di farne una da solo, acquista delle mascherine protettive già pronte.

Come proteggersi dal covid-19

Abbiamo ormai capito con grande dolore che il virus covid-19 non è poco più di una normale influenza, come volevano farci credere.

Tutto il mondo ormai si sta arrendendo all’evidenza e sta prendendo consapevolezza sulla pericolosità del virus.

Le nostre vite, da una settimana all’altra, sono state completamente stravolte, e la rinuncia a tante care nostre abitudini, ci sembra così assurda quanto doverosa.

Bisogna proteggersi noi per non far esplodere gli ospedali, per non propagare il contagio, e per non contagiare i nostri cari, in special modo gli anziani, che sono la parte più debole dal punto di vista della salute.

Come possiamo proteggerci dal covid-19?

Rispettando le norme igieniche fondamentali di lavarsi spesso le mani, e non toccarsi occhi e bocca, prima di tutto.

Se potessimo, servirebbero mascherine per tutti, ma è impossibile in questo momento.

Adriana Bonifacino, responsabile dell’Unità diagnosi e terapia senologia dell’Oncologia medica dell’ospedale Sant’Andrea di Roma, ha provato a dare qualche consiglio utile per proteggersi dal Covid-19: “Sarebbe meglio la mascherina, ma in alternativa una bandana di cotone lavabile è meglio della sciarpa”

Da Adriana Bonifacino viene detta una cosa importante, e cioè che anche le mascherine chirurgiche sono meglio di niente. Però ricordarsi che sono mascherine usa e getta, non vanno quindi poggiate sul collo o su altro tipo di superfici.

Un’altro dato da prendere in considerazione poi, è quello di preferire una bandana alla più utilizzata sciarpa o foulard. Il motivo è che il foulard, quando torniamo a casa, lo riponiamo in mezzo ad altri indumenti, o peggio ancora nell’armadio o in un cassetto.

La bandana invece, essendo un capo facilmente lavabile, ci consentirebbe un ricambio maggiore.

La stessa attenzione andrebbe anche per le scarpe, e sarebbe consigliato di togliersele subito quando si entra in casa, per evitare appunto di diffondere eventuali virus nell’ambiente domestico.